Link utili

Cavoli

I cavoli appartengono alla famiglia delle crucifere, varietà Brassica. Contengono quantità elevate di vitamina C, che viene distrutta in parte dalla cottura; di acido folico, fibra, potassio, e di sulforafano, che si ritiene abbia un effetto protettivo contro i tumori intestinali.
La parte edibile di queste piante è rappresentata dalle foglie (cavolo cappuccio, verza,...) o le inflorescenze ancora immature (broccolo, broccoletti, cavolfiore).
Al pari di altre verdure, sono alimenti molto sazianti e quindi sono molti utili in una alimentazione ipocalorica.
 
Le varietà sono :                                 
  • Il cavolfiore è uno dei cavoli più diffusi. Ha un apporto di zolfo particolarmente alto, per cui chi soffre di problemi renali dovrebbe mangiarlo solo cotto.cavoli
  • I cavoletti di Bruxelles, hanno una elevata quantità di vitamina E ed essendo germogli, sono ideali per la surgelazione poiché le sostanze contenute sono concentrate. Si consumano cotti, bolliti o al vapore e hanno un sapore amaro che non tutti gradiscono.Il cavolo broccolo ha un fusto corto e inflorescenze di colore verde intenso, i suoi fiori sono di colore biancastro, simili a quelli del cavolfiore ma molto più piccoli. I broccoli si consumano previa cottura, lessati o a vapore.
  • Il cavolo cappuccio è costituito da foglie lisce raggruppate in un ceppo compatto, di colore variabile (bianco, rosso, verde, viola). Le foglie, molto croccanti, possono essere mangiate crude o cotte.
  • Il cavolo verza è costituito da foglie di colore verde, grinzose, che formano un cespo compatto ma meno denso del cavolo cappuccio. Il principio attivo che possiede, protegge le pareti dello stomaco dalle lesioni. Si può mangiare anche crudo.